lunedì 18 luglio 2016

IL TREKKING DEL CRISTO PENSANTE

Parte dal Passo Rolle questa bellissima escursione che oggi ci conduce sulla vetta del Castellaz, dove veglia immobile la famosa statua del Cristo Pensante.





Ci accompagna per tutto il percorso la superba vista sulle Pale di San Martino e sul meraviglioso Cimon della Pala.




Il sentiero con partenza Passo Rolle arriva dopo 15 minuti di comoda strada sterrata al primo punto di ristoro: Capanna Cervino.


Proseguendo dopo una ventina di minuti si raggiunge la famosa Baita Segantini, luogo privilegiato per osservare lo scenario da favola che ci circonda.










Per chi non avesse voglia di camminare troppo, da Passo Rolle fino a qui è possibile prendere un bus navetta che passa molto di frequente.

Poco dopo Baita Segantini sulla sinistra parte il vero e proprio trekking del Cristo Pensante, è sufficiente seguire le indicazioni.



Da qui il panorama spazia sulle Pale di San Martino, sulla Val Venegia e sulla Marmolada.




Il primo tratto è un sentiero stretto in lieve discesa che attraverso ampi pascoli e ci porta in breve tempo alla base del Castellaz.




















Da qui la strada è tutta in salita per una mezz’oretta, ma non perdetevi d’animo!

Quello che troverete sulla cima vi ripagherà di tutta la vostra fatica.





Ancora una volta un panorama spettacolare, un’ imponente croce di ferro, ma soprattutto una statua magnifica ed impressionante.


Il Cristo Pensante, scolpito dallo scultore Paolo Lauton, che lo ha tirato fuori da un unico blocco di bianca predazzite (marmo di Predazzo) per posarlo nel 2009 nella sua Cattedrale naturale: la cima del Castellaz.


Un Cristo sofferente e preoccupato quello che vediamo, con alla testa una corona di spine confezionata con un pezzo di filo spinato della Grande Guerra.

Un filo spinato a ricordarci che in questo luogo si è combattuto duramente e che si deve fare di tutto perché questo non accada ancora.

Alla sua base una frase di Maria Teresa di Calcutta: “Trova il tempo per pensare, pregare e sorridere”


Un trekking per il corpo, la mente e l’anima, che al ritorno ci fa riflettere e ci fa vedere le cose in un’ottica diversa.

Una grande pace è quello che si respira quassù, nonostante la folla di gente. Ed oggi il cielo ci sembra un po’ più vicino.


“Se sei convinto e ci credi, se non ti arrendi e perseveri, se quando ti fanno cadere sai rialzarti, allora anche i sogni si avverano”
Pino Dallasega, ideatore del trekking del Cristo Pensante




Grazie a Giulio, Beatrice, Gabriele, Martina ed Alessandro

SCHEDA RIASSUNTIVA

PARTENZA: Passo Rolle
DISLIVELLO: 400 metri
LUNGHEZZA DEL PERCORSO: 6 chilometri
ADATTO A PASSEGGINI: no - consigliato per bambini già allenati a camminare in montagna
PUNTI DI RISTORO: Capanna Cervino, Baita Segantini
SOSTA CAMPER: sosta anche notturna nei parcheggi al Passo Rolle, gratuito e senza servizi