martedì 7 giugno 2016

IL PARCO AI PIOPPI DI TREVISO

Siamo partiti venerdì sera per il primo week end di inizio estate: 
il Parco dei Pioppi e il mare di Caorle.

Arriviamo verso l'una a Bassano e ci fermiamo nell'area attrezzata Gerosa.
Il parcheggio che si trova nella zona sud della città al momento è occupato da alcuni camper di zingari ma è tardissimo e stanchi morti ci fermiamo comunque.

La tariffa di sosta camper per la notte è di ben dieci euro, la zona di scarico e carico è momentaneamente occupata da una roulotte, l'area non è assolutamente sorvegliata e una lite tra gli occupanti del parcheggio ci tiene svegli per buona parte della notte.

Durante il giorno il parcheggio è gratuito ed è una buona base di partenza per la visita della città dato che è servito da una navetta che passa molto di frequente e porta verso il centro.
Ma per la notte sinceramente non mi sento di consigliarlo.

La mattina seguente, sopravvissuti alla nottata, ci dirigiamo verso Treviso accompagnati da un bell'acquazzone.

Destinazione Nervesa della Battaglia al parco dell'Osteria ai Pioppi: un posto assolutamente fantastico!

osteria ai pioppi

Un vero e proprio luna park artigianale nato tra gli alberi.

E' stato interamente costruito a mano, pezzo per pezzo, dal signor Bruno in più di quarant'anni di grande lavoro e di grandissima passione. 

Ma la cosa sensazionale è che funziona solo in modo meccanico, senza l'uso di elettricità!

Solo spinta di braccia e gambe e forza di gravità!

   

Giostre nate dalla fantasia e dalla creatività di un uomo a dir poco eccezionale.
Un posto unico al mondo.


Siamo arrivati poco prima di mezzogiorno, nel frattempo ha smesso di piovere.

Sistemato il camper nel parcheggio dell'osteria (raccomandabile passare nel viale principale per non rischiare di rovinare le piante!) ci accorgiamo subito di trovarci in un posto meraviglioso.

La sensazione che si prova all'istante è che qui prima di tutto c'è il cuore di chi l'ha creato.


Un luogo magico dove ancora si riescono a trovare e ad apprezzare la lentezza e la semplicità delle cose, alle quali purtroppo non siamo più abituati.


Ci immergiamo nel parco senza fretta alla scoperta di un mondo fatto di cose semplici che riporta noi grandi, con un pò di nostalgia, indietro di qualche anno.










IMG_9566






I bambini sono a dir poco entusiasti.
Si adattano subito alla dimensione del "vivere con lentezza" e non vorrebbero più andare via.
Le cose vere e sincere colpiscono al cuore e regalano sensazioni ed emozioni indimenticabili.

        

   

    



La giornata uggiosa non ci ha permesso di sperimentare tutte le giostre visto che per motivi di sicurezza alcune con la pioggia rimangono chiuse.

Le giornate ideali per visitare il parco sono le domeniche di sole, quando tutte le giostre sono aperte!
(alcune giostre  il sabato riamangono chiuse indipendentemente dalle condizioni atmosferiche!)

Dopo tanto divertimento la fame inizia a farsi sentire e decidiamo di andare a mangiare. Sono le tre passate, fortunatamente l'osteria serve pasti ad orario continuato!



Il menù è semplice e l'ambiente con le grandi tavolate immerse tra gli alberi ricorda molto le feste campestri.



Il vino è servito in secio o mezzo secio....

osteria ai pioppi


Il caffè e la focaccia fatta in casa sono la giusta conclusione di un pranzo dal sapore particolare!


Dopo essere tornati per il secondo round nel parco con molta tristezza è arrivata l'ora di lasciare questo magnifico luogo e di dirigerci verso l'uscita.

Ma una sorpresa ancora ci aspetta...

A metà del parcheggio incontriamo proprio lui... il signor Bruno in persona che ci viene incontro e ci saluta molto cordialmente.




Ci fermiamo a chiacchierare, ci racconta molte cose sui suoi alberi, ci fa vedere i bagolari e i gelsi, ma quando Gabriele prende coraggio e gli chiede "è vero che sei stato tu a costruire tutto questo?" allora gli si illuminano gli occhi!

Fiero ci racconta di come sono nati l'osteria e poi il parco, di come inventa e costruisce le giostre, ci fa vedere la sua ultima creazione, e poi ci accompagna nel suo regno, il posto dove tutto ha inizio: la sua officina.








Grazie nonno Bruno, sei una persona davvero speciale.
Il tuo incontro ha reso la nostra giornata indimenticabile!
Il tuo sguardo dolce e il tuo grande cuore ci rimarranno per sempre scolpiti nella memoria!

Arrivederci a presto.


L'ingresso al parco è gratuito, unica regola:



Se si vogliono consumare cibi o bevande lo si deve fare all'osteria, tra l'altro molto economica!

Per informazioni sul parco e sugli orari di apertura potete vistare il sito internet dell'Osteria:

http://aipioppi.com/

















I cani sono ammessi all'interno del parco, per questo si merita anche il nostro bollino DOG WELCOME!!




Per chi è in camper la sosta notturna all'interno del parcheggio non è consentita.