domenica 10 aprile 2016

IL SENTIERO DELLE FIABE IN VAL DI NON

Oggi siamo partiti alla ricerca di un percorso semplice e simpatico che facesse cominciare a far affrontare a Giulio le prime camminate in montagna in vista dell'estate, e lo abbiamo trovato in Val di Non.

Il SENTIERO DELLE FIABE (IL LAVORO, LE FATE, LE STREGHE) è un percorso ad anello di circa 5 chilometri che parte ed arriva al piccolo centro abitato di Preghena di Livo, ed ha un dislivello di circa 100 metri (dopo Cles seguire indicazioni per Rumo).

Il punto di partenza è proprio in fondo al paesino.


Poco prima di questa casa sulla sinistra c'è una piccola piazzetta dove si può lasciare la macchina. Vi sconsigliamo di passare dentro il paese perchè le strade sono piuttosto strette.


Noi siamo arrivati verso l'una con pranzo al sacco e ci siamo fermati sulla panchina vicino alla fontana per mangiare. 

Poco distante c'è un piccolo bar-ristornate e quindi siamo riusciti a bere anche il caffè, mentre abbiamo aspettato Marina & co. che ci avrebbero raggiunti verso le due.

Il percorso comincia con una stradina asfaltata tra i meli, un pò in salita per qualche metro, per poi inoltrarsi nel bosco e diventare un pò più pianeggiante. E' ben segnato e non è difficile da seguire.
           
   

Raggiunti da Marina, Massimo, Marco, Matteo e Maelle partiamo ed incontriamo subito le prime sculture di legno che rappresentano gli animali del bosco: sono tutte bellissime!




Continuiamo con una bella fatina che ci ha ricordato tanto la statua di Giulietta a Verona

   

Una fonte dove riempire le borracce di acqua fresca


Le spade nella roccia


Per arrivare al pentolone della strega

  


Qui per un pezzettino il sentiero diventa un pò più impegnativo.

A differenza di quello che abbiamo letto in internet a noi non è sembrato un percorso da affrontare con un passeggino, se si hanno bambini che non camminano meglio lo zainetto portabimbi!

Nel frattempo siamo stati raggiunti anche da Barbara, Massimo, Tommaso e Benedetta.

Evviva! Una bella domenica con tanti amici! 

Con l'arrivo della primavera il gruppo whatsapp di vite in viaggio comincia a svolgere la sua funzione di aggregazione: passare del tempo insieme, visitare posti nuovi, incontrare nuovi amici!

Proseguiamo quindi tutti insieme: superiamo il diavolaccio fino ad arrivare ai campanacci dove troviamo un prato che ci permette di fare una sosta di relax, gioco e merenda! 







Scopriamo solo dopo che qualche centinaia di metri più avanti c'è una bellissima area attrezzata per il pic-nic con tanto di barbeque e tavoli.


Sono quasi le sei e continuiamo l'anello che ci riporterà al punto di partenza.


Ci accompagnano fino alla fine ancora tante statue lignee che continuano ad attirare l'attenzione e la curiosità dei bambini.





Arrivati verso la fine siamo attirati dai muggiti di alcune mucche... dove saranno?

Non riusciamo a non andare a curiosare nella stalla, apriamo un pò la porticina... ed eccole qui!


Arriviamo verso la fine del nostro percorso, ci godiamo il panorama 


ed alla fine per salutarci, una bella seconda merenda tutti insieme!!


La durata del giro senza soste è di circa un'ora e mezza.

Anche grazie alla compagnia di molti amici Giulio ha camminato come uno stambecco per tutto il giorno: obiettivo raggiunto! 
Grazie dell'aiuto ragazzi, alla prossima!!





ALTRI PERCORSI TEMATICI IN TRENTINO GIA' PROVATI DA NOI:

Il sentiero Cimbro dell'immaginario
Una passeggiata di tre ore piuttosto pianeggiante (sette chilometri e dislivello complessivo di 250 metri) che parte dalla piazza di Luserna e vi fa ritorno passando per Malga Campo, sfiorando quasi il confine con il Veneto e intrecciando non solo l’incanto della fiaba (con le sculture del basilisco-drago o dell’orso, solo per citarne alcune), ma anche la memoria della Grande Guerra e dei combattimenti che qui ebbero luogo. E permettendo ai genitori e ai bambini di fermarsi in numerosi punti panoramici da cui ammirare il paesaggio.


Il respiro degli alberi 
(dalla frazione Bertoldi-Folgaria)

Il Sentiero di Frainus
Percorso ad anello raggiungibile da Bellamonte con la seggiovia "Castellir" o in una mezz'oretta a piedi dalla partenza delle funivia.
Da fare in estate perchè fa parte del bellissimo parco con giochi d'acqua "Giro d'ali"

Il sentiero degli gnomi 
Dal pian del Gacc, percorso ad anello di un paio d'ore, pianeggiante, adatto a passeggini da trekking.